LA SCIENZA DELL’INVISIBILE – INCONTRO CON IL DOTT.MASSIMO CITRO di Valeria Boari

Categorie: Olos, Personaggi

La Scienza dell'Invisibile

Ho conosciuto recentemente il dott. Massimo Citro al convegno “ 2012 l’inizio della Nuova Era” a Mantova, dove ha tenuto un’appassionata relazione sulla “Scienza dell’Invisibile”che è anche il titolo del libro che ha scritto insieme al ricercatore giapponese Masaru Emoto.

Il dott. Citro, medico chirurgo e ricercatore con seconda laurea in lettere classiche, coniuga, come gli antichi greci, la scienza alla filosofia, guardando la prima con gli occhi del poeta e del filosofo, riuscendo così ad andare veramente “oltre il visibile”. Avvalendosi anche degli studi sulla memoria dell’acqua dello scienziato francese Benveniste pubblicati nel 1988 sull’autorevole rivista scientifica Nature, il dott. Citro è lo scopritore del TFF (trasferimento frequenziale del farmaco), per mezzo del quale è possibile trasferire l’informazione da un preparato, farmaco o altra sostanza, attraverso un circuito elettronico con amplificatori a banda larga, all’acqua, che riceve e conserva l’informazione. L’acqua acquisisce così le proprietà del medicinale pur rimanendo chimicamente acqua, e le cellule rispondono a quell’acqua come se fosse il medicinale. La sperimentazione del TFF su cavie e pazienti ha mostrato l’efficacia della somministrazione di acqua informata, paragonabile a quella della somministrazione del farmaco.

Dott. Massimo Citro

La ricerca  e la sperimentazione necessiterebbero di ricevere il massimo interesse dagli organi preposti allo sviluppo della salute e del benessere, nel mondo scientifico, economico e nella coscienza di tutti; necessitano di fondi per proseguire, mentre purtroppo questi sono agli sgoccioli  e l’istituto di ricerca IDRAS, che il dott. Citro ha fondato e finanziato a sue spese, con l’aiuto di poche persone, è costretto a sospendere le ricerche per mancanza di risorse.

Tutti noi abbiamo un corpo che desideriamo sano e libero da effetti tossico /nocivi da farmaci come desideriamo che il nostro pianeta sia un luogo sano e meno inquinato, per noi e per i nostri figli.

L’acqua, come anche il ricercatore Masaru Emoto ci mostra attraverso le foto dei cristalli di acqua che mutano in seguito alla ricezione di informazioni diverse, offre innumerevoli possibilità per la nostra vita affinché la possiamo vivere al meglio.

Masaru Emoto

Delle infinite possibilità di utilizzo e informazione dell’acqua troviamo traccia nelle culture antiche della Terra, di cui anche la nostra è parte, dove veniva tramandato di generazione in generazione come curarsi con questo elemento primordiale…

Essa è l’elemento che compone gran parte del nostro corpo e della Madre Terra, è per questo l’elemento che più entra in risonanza. E tale potente risonanza è uno dei motivi della sua efficacia.

Un altro aspetto della ricerca del dott. Citro è rivolto ad indagare ciò che sta oltre il visibile.

Cosa sta dietro a tutto questo?

Il Codice Primo

Possiamo denominare Codice Primo l’informazione che è alla base del TFF, quindi  l’insieme delle informazioni che definiscono un corpo.

Ogni corpo ha la sua forma, sta in sé, perché  possiede una mappa e un campo energetico. La prima determina la forma, il secondo la mantiene.

Da dove ha origine il Codice Primo?

Per spiegare ciò Citro ci parla di massa come quantità di materia, che possiede volume e densità e che costituisce un corpo. Mentre la materia che non possiede volume e densità  non è massa. È materia ed è eterna.

La Materia Pura è la Matrix, o Immacolata Concezione, inteso come concepita pura, qualcosa che permea l’Universo e gli da forma. Materia pura, principio femminile di tutto. È la Matrice.

Il Codice Primo è quello che permette di accedere al grande mare della Matrix e creare i corpi.

La vibrazione che emette, il suono, poiché tutto ciò che esiste vibra ed emette un suono, viene trasportata come informazione, e qui entra in campo l’Angelo, il Messaggero. Se sappiamo vedere l’informazione come annunciazione.

L’acqua memorizza e conserva l’informazione.

La scienza è tutta intenta ad indagare il visibile, sarebbe necessario andare oltre, per indagare ciò che sta alla fonte di quest’Universo che possiamo definire come un ologramma che viene proiettato da una dimensione senza spazio e senza tempo.

Auguro a tutti noi un grande risveglio di coscienza e al dott. Citro, che mi sento di considerare “scienziato della Nuova Era”, di poter proseguire le sue preziose ricerche.

Ed io mi permetto di aggiungere che quando siamo connessi alla nostra parte reale, lo Spirito, e riusciamo ad eludere il controllo della mente egoica abbiamo per brevi istanti accesso alla Matrix e alle sue informazioni.

Che a volte dimentichiamo come i sogni quando, un attimo dopo svegli rimangono foschi ricordi che svaniscono in pochi attimi. Forse quando tutti avremo a cuore di utilizzare le informazioni per il massimo bene di ogni essere senziente cominceremo a ricordare…

Valeria Boari

 
www. acquediluce.com
 

Tag: , , , , , , , , , , , , ,